Piazza Dalmazia, ridotta in schiavitù a 22 anni: salvata dai negozianti

La donna, 22 anni, era arrivata in Italia nell'estate del 2016

0
1409

Minacciata e costretta a elemosinare dai suoi familiari in piazza Dalmazia. A riportare la notizia è La Repubblica. In strada, ai semafori o davanti a una chiesa, fino a 10 ore al giorno: alla fine la giovane rom, 22 anni, si è ribellata e grazie anche alle segnalazioni di alcuni negozianti della zona in cui elemosinava – tra Careggi e piazza Dalmazia – è riuscita a spedire in carcere i suoi aguzzini: il marito di 21 anni, il suocero di 38 anni e la nonna acquisita di 60 anni.

L’ordinanza che ne dispone la custodia cautelare in carcere è stata firmata ieri dal gip Anna Liguori, su richiesta del pm antimafia Giuseppina Mione. L’accusa nei loro confronti è infatti ‘riduzione in schiavitù’, reato per cui procede la Dda. La donna era arrivata in Italia nell’estate del 2016.

 

CASTELLOCHANNEL.IT
 

Lascia una risposta