Via Sestese, preferenziale in tilt: tra buche e cordoli invisibili (FOTO)

Anno nuovo, vecchia storia per via Sestese: così non va

0
539

Anno nuovo, vecchia storia. Buche, cordoli invisibili, restringimenti di carreggiata. La corsia preferenziale di via Sestese a Firenze si presenta così a inizio 2017. Nelle foto del nostro inviato Massimo Lombardi, una situazione che Castellochannel.it denuncia da tempo: il 2016 ha segnato un anno davvero orribile per la strada che unisce Firenze e Sesto Fiorentino dal punto di vista degli incidenti. In totale sono stati 17 i sinistri, dei quali uno mortale in data 15 dicembre (leggi qui l’elenco completo). 

via-sestese-inizio-preferenzialeNon tutti riconducibili alla corsia preferenziale, certo. Ma le foto non lasciano dubbi: così proprio non va. Nella prima foto che vi mostriamo qui sopra, infatti, siamo all’inizio della preferenziale imboccata da Sesto Fiorentino (zona rotonda Caffè Neri): le buche sono protagoniste assolute, tanto che il Comune ha dovuto piazzare alcuni cartelli stradali per segnalarle in modo evidente al trasporto pubblico, che deve fare lo slalom per immettersi nella preferenziale. E si possono intravedere altre buche evidenti pochi metri più avanti.

via-sestese-cordolo-invisibile-1

In questa seconda foto (qui sopra) una situazione purtroppo tristemente nota. Il “cordolo invisibile”, all’altezza della Banca Monte Paschi Siena, che ha causato molti degli incidenti nel corso dell’ultimo anno. Un cordolo di pochi metri, abbandonato a se stesso senza ormai pioli segnaletici da agosto 2016. Ovvero cinque mesi. Niente segnala questo cordolo, che specie di notte confonde gli scooteristi che volano letteralmente coi propri mezzi finendo sull’asfalto.

Castellochannel.it continua la sua battaglia per una via Sestese più sicura. Recentemente l’amministrazione comunale, sollecitata sul tema in seguito agli ultimi incidenti e alla questione che ha interessato i media e giornali locali, ha dichiarato che la preferenziale rimane strategica e funzionale per il trasporto pubblico. “Ataf non vuole toglierla”, ha dichiarato l’assessore alla viabilità Stefano Giorgetti (leggi qui). Ma così non può andare: i residenti chiedono maggiore sicurezza, magari togliendo quei cordoli spezzettati e discontinui. Oppure installando delle telecamere lungo il percorso. Insomma, una questione nota e per la quale continueremo a batterci. Perché non si possa più dire: anno nuovo, vecchia storia.

CASTELLOCHANNEL.IT

Lascia una risposta