Via Sestese, si schiantò sul cordolo invisibile: “Aiutatemi, cerco testimoni”

L'incidente è avvenuto a fine gennaio, adesso si cercano testimoni

0
552

Di seguito vi pubblichiamo una lettera che abbiamo ricevuto in redazione, che fa riferimento a un incidente di gennaio 2017 in via Sestese a Firenze. Un impatto tra scooter e “cordolo invisibile”, quello posto di fronte alla Banca Monte Paschi di Siena in prossimità della svolta per accedere al centro commerciale LIDL. E’ la storia di Bruno, che adesso cerca i testimoni per poter sporgere denuncia per quanto accaduto. Di seguito la lettera e i riferimenti.

Castellochannel.it si batte da sempre per una via Sestese più sicura. Abbiamo dedicato alla questione di via Sestese una sezione apposita (guarda qui), con l’elenco aggiornato degli incidenti, le interviste, le inchieste, i reportage.


Buongiorno,

mi chiamo Bruno e il 26 gennaio scorso, alle ore 18.00, con il mio scooter Liberty Piaggio 150 ho impattato rovinosamente sul cordolo “invisibile” di via Sestese, nelle vicinanze della banca MPS (e del centro commerciale LIDL).

La caduta mi ha provocato una forte contusione al ginocchio sinistro, con lesione dei legamenti, e alla spalla sinistra. Insieme a vari testimoni, che mi hanno prestato una prima assistenza, ho atteso l’ambulanza che mi ha poi portato al CTO per accertamenti. Uno dei testimoni mi ha pure usato la cortesia di portarmi lo scooter presso il parcheggio della LIDL. Poco dopo è giunta mia moglie che mi ha accompagnato in ospedale seguendo l’ambulanza.

Data la particolarità della situazione (il dolore, lo shock) non ho avuto la prontezza di chiedere ai testimoni presenti un contatto per poi presentare richiesta di risarcimento al Comune, considerato lo stato di incuria e di pericolosità del cordolo citato, completamente privo dei piolini orizzontali che ne avrebbero migliorato la visibilità.

Molti giorni dopo ho scoperto un vostro articolo che è riferito proprio al mio incidente: http://castellochannel.it/via-sestese-incidenti-senza-fine-scooter-si-ribalta-sul-cordolo-invisibile/

Chiederei quindi al vostro sito se c’è una possibilità, e quali sono le modalità, per poter contattare qualcuno dei testimoni presenti al momento dell’incidente, sperando che sia vostri attento lettore.

Chiunque voglia mettersi in contatto con Bruno, è a disposizione il suo indirizzo di posta elettronica: scaffabb@gmail.com 


 

CASTELLOCHANNEL.IT

Lascia una risposta